Grey's Anatomy: commento all'ep. 10x20, Go It Alone

Il giorno della cerimonia è arrivato: Cristina sta per scoprire se sarà lei ad aggiudicarsi il prestigioso Harper Avery Awards.

Grey's Anatomy: commento all'ep. 10x20, Go It...

Il plot
Cristina è in procinto di partire per Boston per la cerimonia di premiazione, ma un caso clinico piuttosto complicato, la blocca a Seattle fino all'ultimo. Nonostante le innumerevoli richieste di Owen, deciso ad accompagnarla, la Yang insiste per andare da sola a ritirare l'eventuale premio. 
Nel frattempo, Arizona e Callie, a fronte di una discussione, decidono che a portare in grembo il bambino che tanto desiderano, sarà la Torres.
Alex inizia a lavorare per la clinica privata in segreto, proseguendo nel lavoro di routine al Grey Sloan Memorial Hospital, ancora incerto su come affrontare l'intera situazione. Derek, diviso tra ricerca, famiglia e carriera, comincia a mostrare segni di cedimento.

Cosa ci è piaciuto di questo episodio
La parte finale dell'episodio è innegabilmente la migliore dell'intera puntata: l'arrivo di Cristina a Boston, sola, impaurita e insicura di fronte a un mondo diverso da quello cui è abituata, la getta in un vuoto dal quale difficilmente sarebbe potuta riemergere da sola. Quel vuoto, pochi minuti dopo, viene però colmato, con un solo sguardo, da Meredith e Owen, sempre lì, sempre pronti a stringerle la mano, nonostante tutto. Presenti, anche in silenzio.

Contenuto pubblicitario

Grey's Anatomy: Ellen Pompeo in una scena dell'episodio Go It Alone, decima stagione
Cosa non ci è piaciuto di questo episodio
La lite su Avril e Jackson, nell'aria già dalla scorsa puntata, è esplosa all'improvviso nel corso di questo ventesimo episodio. Alla base di tutto, la profonda fede della Kepner che la rende totalmente cieca di fronte alle scelte ipotetiche che Avery compierebbe in futuro nella vita privata e nel contesto familiare. Il personaggio di April, sempre in equilibrio tra emotività e fede religiosa, continua a convincere poco e ad annoiare fin troppo.

Note a margine
Delusi sì, sorpresi no. Shonda Rhimes aveva già lanciato un segnale d'allarme nella scorsa puntata, quando durante I'm Winning, l'entusiasmo generale di fronte alla candidatura di Cristina all'Harper Avery Award aveva lasciato la protagonista piuttosto fredda e inerme di fronte a una possibile vittoria. I segnali d'allarme c'erano tutti, chi conosce bene lo show, aveva capito da subito che l'ennesima brutta notizia era dietro l'angolo.

What's next
In Change of Heart, rivivremo alcuni tra i momenti più significativi vissuti da Cristina al Grey Sloan Memorial Hospital, in una repentina e dolorosa discesa verso la season finale e il suo addio. Incerto anche il destino di Alex (Justin Chambers, che presta il volto al personaggio, non ha ancora firmato il rinnovo del contratto per lo show), ancora in bilico e indeciso se proseguire nella carriera ospedaliera o collaborare con una clinica privata.

Giorgia Di Stefano
Redattore
3.0 3.0
Privacy Policy