Glen Hansard: un premio Oscar a Lucca Comics

La manifestazione lucchese è stata teatro di un evento d'eccezione che ha visto protagonista l'interprete di Once e The Commitments.

Glen Hansard: un premio Oscar a Lucca Comics
Wallpaper del film Once con Glen Hansard

Galeotta fu una vacanza in Toscana. Lucca Comics ha salutato l'arrivo di Glen Hansard. L'interprete di The Commitments e del delicato romance autobiografico Once, che gli ha permesso di conquistare un Oscar per il brano che funge da motivo principale del film, l'emozionante Falling Slowly, approda nella patria di fumetti, videogiochi e, da qualche anno, cinema per presentare un disco/fumetto. Lowly Deserter, brano contenuto nel suo ultimo disco solista, Didn't He Rumble, ha dato lo spunto per fondere il talento e la profonda umanità del chitarrista irlandese all'arte dell'illustratore veneto Fabio Visintin.

Il risultato è un EP in vinile contenente tre canzoni e un poster/fumetto che racconta una storia ispirata alla title track. Un'edizione limitata per 500 fortunati, il cui ricavato verrà devoluto ad Amnesty International. Mente dell'operazione è René Bassani, proprietario dello storico negozio di dischi Sky Stone & Records, che si trova nella centralissima Piazza Napoleone, il quale, due estati fa, è stato protagonista di un evento memorabile riuscendo a organizzare un concerto segreto di Glen Hansard nella cittadina toscana. Da cosa nasce cosa e oggi Lucca Comics ha sancito un'importante collaborazione con uno scopo nobile.

Contenuto pubblicitario

Un ponte di note

La copertina dell'EP Lowly Deserter di Glen Hansard

E' Glen Hansard in persona a raccontare la storia rocambolesca che lo ha visto protagonista con l'umiltà che lo contraddistingue. Dopo l'Oscar, il cantante irlandese non si è certo montato la testa e preferisce imbracciare la sua chitarra piuttosto che parlare in pubblico. Ne è la prova il gesto spontaneo di allungare la mano verso lo strumento quando sente pronunciare il suo nome, prima che il traduttore gli spieghi che è stato invitato a parlare, o la scelta di sottrarsi alla cerimonia di premiazione ufficiale di Lucca Comics per esplorare un altro pezzetto di Toscana prima di partire per il tour americano. "Nell'estate 2014 ero in vacanza in Italia e stavo passeggiando per Lucca con mia madre" esordisce Glen Hansard. "Avevamo preso una casa in affitto a Vorno, sulle colline lucchesi, e stavamo attraversando Piazza Napoleone quando ho sentito la mia voce. La cosa strana era che la canzone che sentivo non era stata ancora incisa. Così sono entrato nel negozio da cui proveniva la musica e ho visto che la voce proveniva da uno schermo su cui veniva mandata in onda la mia esibizione da David Letterman del mese precedente. Mia madre si è commossa. Nel frattempo il proprietario del negozio, che non parla una parola di inglese, mi fissava stupefatto e ha esclamato 'Sei tu'! E' così che ci siamo trovati. Chi fa una vita come la mia, sempre in viaggio, non ha il tempo per frequentare molte persone perciò sviluppa un sesto senso per capire chi si trova davanti. Io ho capito subito che avevo trovato delle persone affini a me".

Concerti segreti e progetti del cuore

Glen Hansard durante il concerto segreto di Lucca dell'estate 2014

L'immediato risultato di questo incontro fortuito è stato un concerto "segreto", che ha visto Glen esibirsi per una cinquantina di persone in una location molto speciale di Lucca. Successivamente René Bassani ha deciso di unire le sue due passioni, fumetti e musica, coinvolgendo il generoso Glen nella realizzazione di Lowly Deserter. Il più felice, e commosso, di fronte alla calorosa accoglienza con cui il pubblico di Lucca lo ha accolto è proprio l'autore di Once che afferma: "Da musicista mi auguro che la mia musica parli alle persone, ma non sempre ho la prova che ciò che faccio colpisca nel segno. Noi facciamo arte, vendiamo dischi, ma non sempre abbiamo il feedback di quali emozioni susciti veramente il nostro lavoro. Per questa ragione è impossibile descrivere la gioia che ho provato nello scoprire che la mia musica veniva ascoltata nel cuore della Toscana". Le parole cedono il posto alla musica. Glen Hansard imbraccia la mitica chitarra bucata e la sua voce appassionata fa il resto. Dopo poche note, il rocker irlandese ha conquistato Lucca per la seconda volta.

Il grande cinema d'autore europeo: 10 film da riscoprire
Recensione Once (2006)
Privacy Policy