Fringe - Stagione 3, episodi 6 e 7: 6995 khz e The Abducted

Continua la terza stagione della serie Fox con due nuovi episodi che sono un'ulteriore conferma della bontà della strada intrapresa e dello sviluppo delle due storyline parallele in corso di svolgimento.

Si avvicina alla pausa invernale, che durerà fino a fine febbraio, la terza stagione di Fringe e lo fa proseguendo con la strada impostata sin dallo scorso settembre, alternando il percorso delle due Olivie nei due universi paralleli e portandone avanti le storie integrandole con storyline verticali autoconclusive ma capaci di arricchire il contesto in cui sono inserite: sia 6995 khz che The Abducted si presentano come casi da monster of the week, ma riescono a portare avanti o comunque arricchire alcuni aspetti della mitologia della stagione.
E' la conferma di una strada intrapresa ad inizio 2010 e fruttuosa in termini qualitativi più che quantitativi, considerando che l'appeal presso il pubblico televisivo USA è rimasto più o meno simile, con il solito forte incremento ricevuto con i dati provenienti dalle visioni successive a quelle nel suo timeslot originale.

John Noble nell'episodio 6995 kHz di Fringe
6995 khz prende le mosse da un gruppo di quindici persone che soffre di una improvvisa amnesia in seguito all'ascolto di uno strano messaggio celato tra le onde radio, ma il suo sviluppo ricollega l'indagine della Fringe Division del nostro mondo al pericoloso dispositivo che Walternate sta cercando di mettere insieme, sul quale Peter sta indagando, con disappunto e preoccupazione del padre: la trasmissione radio cela infatti dei numeri che si rivelano coordinate di diversi siti nel mondo dove pezzi del dispositivo sono conservati. Il rapporto/scontro tra i due al riguardo si dipana parallelamente al plot investigativo ed arriva ad un punto di svolta, con Bishop Senior finalmente d'accordo sull'importanza di comprenderne potenzialità ed utilizzo. Anche il rapporto tra Bolivia e Peter si intensifica, ma soprattutto l'infiltrata riceve l'ordine di passare alla fase due della sua missione... qualunque essa sia.
E' un episodio che vede il ritorno dietro la macchina da presa di Joe Chappelle dopo la buona prova della premiere dello scorso settembre ed il ritorno ai testi di Robert Chiappetta & Glen Whitman, assenti dalla prima metà della stagione precedente, a dimostrazione di una compattezza raggiunta dallo show che permette anche a nuovi innesti e rientri di realizzare episodi ben integrati nella continuity.

Lance Reddick nell'episodio The Abducted di Fringe
The Abducted vede l'esordio alla regia di Fringe per Chuck Russell (Nightmare 3 - I guerrieri del sogno, L'eliminatore, The Mask - da zero a mito, Il re scorpione), al servizio della sceneggiatura scritta da David Wilcox e Graham Roland che segue il ritorno di un rapitore seriale noto come Candyman a causa delle secrezioni di glucosio nel suo sudore. In questo caso il collegamento alla mitologia della serie è dato dall'identità di una delle sue vittime passate, il figlio del Broyles del mondo alternativo. E' un collegamento che permette di aggiungere sfumature ad un altro personaggio del mondo parallelo in cui l'agente Dunham è intrappolata e che dà modo a Lance Reddick di rappresentare sfaccettature diverse del suo personaggio.
Agente Broyles a parte, una linea narrativa importante dell'episodio è quella che segue Olivia, ormai consapevole di chi sia e di voler/dover tornare a casa; la sua è la tappa finale di un percorso, ancora una volta in compagnia del tassista Herny (Andre Royo) che la porta ad un nuovo tentativo di passare da un mondo all'altro, un nuovo tentativo riuscito solo per pochi istanti, il giusto necessario per lasciare un messaggio da consegnare a Peter Bishop, per un finale che lascia lo spettatore con un brivido ed in attesa del successivi Entrada e Marionette, che separano la serie dalla pausa natalizia.

Fringe - Stagione 3, episodi 6 e 7: 6995 khz e...
Antonio Cuomo
Redattore
4.0 4.0
Privacy Policy