Fringe - Stagione 1, episodio 4: The Arrival

Un nuovo personaggio ed un nuovo elemento per iniziare a porsi domande sulla complessa mitologia alla base della serie, fin qui non ancora uscita allo scoperto.

Ascolti stabilizzati ed idee chiare sul futuro della serie, due elementi che hanno contribuito a far sì che la Fox confermasse la nuova creatura di J.J. Abrams per tutta la stagione, dando la possibilità agli autori di lavorare con tranquillità e sviluppare le tematiche alla base della mitologia di Fringe. Una mitologia che proprio dal quarto episodio, The Arrival (in italiano E' arrivato), inizia a venire allo scoperto e fornirci le prime domande su cui interrogarci nei prossimi mesi.
C'era qualcosa dietro le quinte degli eventi già visti negli scorsi episodi, qualcosa o qualcuno che ci viene presentato già nell'incipit di questa settimana: siamo in un diner, dove una cameriera prende l'ordinazione di un uomo alquanto bizzarro, calvo e senza sopracciglia, che non fa nulla per evitare di attirare l'attenzione su di sè, sia per l'ordinazione stessa a base di cibo molto piccante, sia per il modo in cui osserva con attenzione dei lavori in corso proprio di fronte al locale, prendendo appunti su un blocchetto in una lingua sconosciuta. E' chiaro che l'uomo aspetta qualcosa e questo evento si verifica poco dopo, nella forma di quello che sembra essere un terremoto. Terminato il disastro, l'uomo indossa cappello ed occhiali scuri, esce dal locale e telefona a qualcuno per comunicare "è arrivato".

Contrariamente agli episodi precedenti, la scena immediatamente successiva alla sigla si concentra su Peter e Walter Bishop: è notte a Boston e Peter cerca inutilmente di dormire mentre il padre continua a ripetere quella che sembra essere una formula chimica, ma che in realtà è la ricetta per preparare la root beer, bevanda che non ha modo di assaporare da diciassette anni. Troppo da sopportare per Peter, che trova rifugio nella vasca da bagno ma è deciso fermamente ad abbandonare il padre ed il giorno dopo non può far altro che andarne a parlare con Olivia nella sede dell'FBI: la sua presenza non è necessaria e si sente nient'altro che un babysitter per il padre, confermando quella che era stata anche l'impressione di tutti gli spettatori fino a questo momento. Olivia gli spiega che Walter è stato chiaro su un punto e cioè che senza la presenza di Peter non avrebbe collaborato, quindi per il momento è costretto a restare, ma "solo per un altro caso", come tiene a precisare.

John Noble e Joshua Jackson in una scena dell'episodio The Arrival di Fringe
Ed arriva il momento di sapere qualcosa di più dell'incidente a cui abbiamo assistito e la tappa successiva è a Chelsea, dove Broyles mostra alla squadra la causa dell'esplosione, cioè un oggetto metallico, probabilmente di iridio, dalla forma simile ad un grosso proiettile con delle scanalature. L'oggetto vibra ad una frequenza di 2mhz, e poi di nuovo 4 mhz, e Walter sembra avere da subito una chiara idea di cosa possa essere, ma sembra anche molto restio a comunicarla agli altri, a differenza di altre occasioni. Inoltre Broyles ci informa che non è la prima volta che un oggetto del genere viene rinvenuto, era già successo nel 1987 a Quantico con un'indagine condotta da Henry Jacobson, a casa del quale Olivia si reca per avere informazioni sul caso di venti anni prima.
Non sono molte le informazioni che Jacobson è in grado di fonire per far luce sulla natura dell'oggetto e spiega che all'epoca pensarono che fosse qualcosa caduto dallo spazio, come un pezzo di un satellite, e che ritennero che stesse comunicando qualcosa con la sua vibrazione; dopo 48 ore, con un'eplosione, sparì nel suolo. Jacobson consiglia di tenersi alla larga dall'oggetto e le consegna il file sulle indagini sostenute venti anni prima.

Al laboratorio, mentre il dottor Bishop spiega a Peter che in passato aveva lavorato al progetto Thor, che riguardava la creazione di un ordigno in grado di essere sparato verso qualunque bersaglio attraverso il centro della Terra, Olivia fa una scoperta notevole: nelle foto dell'incidente del giorno prima, così come in quelle ricavate dal file del 1987, appare lo stesso individuo immobile sullo sfondo, e guarda caso è lo stesso che abbiamo conosciuto ad inizio episodio. La reazione di Broyles quando l'agente Dunham gli comunica la scoperta è di estrema sorpresa e la conduce in una stanza tappezzata di foto in cui lo stesso soggetto è presente. Loro lo chiamano The Observer (l'Osservatore) e ne hanno riscontrato la presenza in occasione di centinaia di eventi riconducibili allo Schema; e Broyles è positivamente colpito: ad Olivia sono bastate solo tre settimane per individuarlo, mentre a loro è occorso un anno.
Chi è quest'uomo? Non lo sanno, non sono ancora riusciti ad identificarlo, ma sembra non fare niente più di quello che è evidente dalle immagini: osservare senza intervenire.
Qualcosa su di lui sembra però saperla Walter Bishop, che rimasto solo nel laboratorio con Astrid, ne approfitta per iniettarle un sedativo e sparire con l'oggetto misterioso. Ancora più sorprendente il fatto che la sua fuga lo porti proprio ad incontrare l'Osservatore in un ristorante, che i due sembrano conoscersi da tempo e che l'uomo dimostra gratitudine nei suoi confronti per aver nascosto l'oggetto.
La fuga, le sue motivazioni e l'incontro sono oggetto di discussione al quartier generale del Bureau una volta che Walter viene ritrovato, ma su questi argomenti lo scienziato non vuole, o non può, dire molto di più.

Proteggere l'oggetto sembra in effetti un'esigenza, perchè non c'è solo l'Osservatore sulle sue tracce, ma anche un altro uomo, che si presenta armato e deciso ad ottenere quello di cui ha bisogno sia sul luogo dell'incidente sia da Henry Jacobson, seguendo quindi le tracce delle loro indagini. E da quest'ultimo, tramite uno strumento di tortura, riesce ad ottenere informazioni sulla visita di Olivia; informazioni che lo conducono da Peter, che viene rapito e torturato con lo stesso metodo usato su Jacobson.
Il rapimento di Peter preoccupa il padre, non solo perchè è il figlio ad essere in pericolo, ma perchè Walter è convinto che il rapitore può essere in grado di ritrovare l'oggetto nascosto interrogando il ragazzo... nonostante questi non sappia niente del nascondiglio. Il motivo? Semplice: le idee, spiegherà Bishop in seguito, si trasmettono per osmosi e la macchina in possesso di questo individuo è in grado di estrapolarle dal cervello di Peter.

Anna Torv in una scena dell'episodio The Arrival di Fringe
La destinazione di entrambi i gruppi, cioè di Peter ed il suo rapitore da una parte e dei rimanenti membri della squadra dall'altra, è il cimitero dove l'oggetto è stato sepolto. La capsula è appena stata diseppellita quando Olivia giunge sul posto ed ha luogo lo scontro con l'uomo, uno scontro che termina con la vittoria dell'agente Dunham e la scomparsa dell'oggetto misterioso nel sottosuolo.
In perfetto orario, secondo le aspettative dell'Osservatore, che comunica l'evento a qualcuno telefonicamente per poi essere messo al tappeto da Peter. Il faccia a faccia tra i due è sconvolgente: l'uomo calvo parla all'unisono con il ragazzo, ripetendo le frasi pronunciate da lui come se sapesse in anticipo cosa sta per dire. Allo sguardo sbigottito di Peter, risponde sparandogli con un'arma simile a quella usata dal suo avversario.

L'evento non può non scuotere Peter, che rivediamo a colloquio con Olivia prima di tornare alla termporanea residenza Bishop, molto più sicuro del suo ruolo e della sua volontà di restare nel gruppo: cose molto strane stanno accadendo, cose complesse e collegate tra loro, cose incomprensibili che una mente come la sua non può ignorare. Deve sapere cosa c'è dietro e vuole dare una mano per indagare su questi fenomeni.
Inoltre al ritorno a casa, Walter gli racconta il primo incontro con l'Osservatore avvenuto molti anni prima e si tratta di un incidente che Peter già conosce, ma con dettagli diversi: era il giorno del ringraziamento, erano in auto con la fretta di ricongiungersi ai parenti, quando andarono fuori strada, finendo su un lago ghiacciato; il ghiaccio non resse più di due minuti e finirono nell'acqua gelata, ma non fu Walter e riuscire a portare in salvo sè stesso ed il figlio, come in passato aveva raccontato, ma un uomo che non aveva mai visto prima, un uomo calvo senza sopracciglia, l'Osservatore appunto.
Questo ci fa chiedere perchè in quel caso per l'uomo è stato possibile intervenire, contravvenendo al suo comportamento abituale di osservare senza interferire. Perchè Walter e Peter hanno un'importanza speciale per lui e coloro i quali collaborano con lui? E' un uomo solo o tanti cloni?

Una scena suggestiva dell'episodio The Arrival di Fringe
C'è anche tempo per un ultimo sussulto: già nel corso dell'episodio, Olivia ha ricevuto una strana telefonata notturna nel cui audio disturbato ha creduto di riconoscere la voce dell'agente Scott, controlli effettuati subito dopo non hanno riscontrato chiamate in arrivo sul suo numero. La sua impressione sembra però confermata dall'ultima scena di The Arrival: tornata a casa a caso risolto, mentre prepara qualcosa da mangiare con quel poco a disposizione, Olivia viene sopresa da una figura presente nell'appartamento, l'agente Scott appunto.
E' ancora vivo? Era lui a chiamare e, se sì, come? Ma soprattutto: cosa gli è accaduto e da che parte starà?
Tutte domande a cui speriamo di avere risposta prossimamente.

Fringe - Stagione 1, episodio 4: The Arrival
Privacy Policy