Orange is the New Black: Piper, Red, Crazy Eyes e gli altri personaggi

La prigione federale di Litchfield fa da palcoscenico ideale per una serie di personaggi eterogenei e sopra le righe, mostrando fragilità e contrasti, alleanze e amori, fotografando una molteplicità di caratteri e storie personali diverse le une dalle altre ma anche tristemente simili, intervallate da parentesi bizzarre e spassose.

Orange is the New Black: Piper, Red, Crazy Eyes e...
Orange Is the New Black

2013 - .... – Commedia
3.6 3.6

Netlix, la piattaforma che permette di vedere in streaming centinaia di contenuti video, ha stravolto il modo di approcciare il prodotto televisivo negli ultimi anni, dando il via ad una rivoluzione di contenuti epocale sia per il piccolo che per il grande schermo, costringendo gli addetti ai lavori a porsi delle domande e mettere in atto cambiamenti radicali. Ad accrescere il suo prestigio la produzione di serie televisive inedite tra le quali spiccano House of Cards e Orange Is the New Black.

Orange Is the New Black: Taylor Schilling in You Also Have a Pizza

Quest'ultima è la quintessenza della coralità, grazie ad un serie di protagonisti incredibili, tratteggiati con una dovizia di particolari e sfumature psicologiche tali da renderli, già dalla prima stagione, personaggi indimenticabili del piccolo schermo, con schiere di fan che parteggiano per loro. Ispirato dal libro di memorie di Piper Kerman, waps della borghesia newyorchese costretta a scontare quindici mesi nel carcere federale femminile di Litchfield per aver trasportato, dieci anni prima, una valigia contenente soldi guadagnati dalla vendita illegale di droga per conto della sua amante dell'epoca, la spacciatrice del cartello internazionale Alex Vause, Orange Is the New Black è il gioiello di scrittura dell'autrice e sceneggiatrice Jenji Kohan. Neanche rilasciata la terza stagione, momento di passaggio privo di un "villan" vero e proprio, quanto, piuttosto, istantanea di una transizione dei vari personaggi, Netflix ha già confermato la realizzazione di un quarto capitolo, probabilmente conclusivo, che, rispetto gli ultimi minuti della precedente stagione, dovrebbe risolvere molte questioni rimaste in sospeso per un gran numero di personaggi.

Classificata come serie drammatica dalla giuria di esperti della Television Academy, Orange Is the New Black ha la capacità di mischiare il dramma alla comicità, lasciando dietro di sé episodi toccanti e momenti di puro spasso che impiegano, indistintamente, ogni singolo personaggio, grazie ad un andamento narrativo basato sull'alternanza di flashbacks e presente. Ecco un profilo dei vari protagonisti che compongono il cast della serie corale per eccellenza del piccolo schermo.

Due cuori e un cella

Piper Champman (Taylor Schilling)

Orange Is the New Black: Taylor Schilling nell'episodio Thirsty Bird

Protagonista indiscussa della prima stagione e trasposizione televisiva di Piper Kerman, autrice del libro di memorie dal quale Jenji Kohan a tratto ispirazione per la serie. Piper, giovane donna della borghesia newyorchese, si ritrova a scontare quindici mesi nel carcere federale femminile di Litchfield per un crimine legato al traffico della droga commesso dieci anni prima per amore della sua compagna dell'epoca, Alex, la stessa persona che ha fatto il suo nome al processo e che ritroverà dietro le sbarre del carcere, risvegliando un'amore mai del tutto sopito. Dall'iniziale vittimismo e difficoltà relative all'impatto con la galera, fatto anche di duri scontri con le altre detenute, assistiamo ad un progressivo cambiamento interiore che la porta a svelare la sua natura manipolatrice e machiavellica.

Alex Vause (Laura Prepon)

Orange Is the New Black: Laure Prepon nell'episodio We Have Manners. We're Polite.

Legata a Piper da un legame di amore/odio, Alex è la principale responsabile dell'incarcerazione dell'ex amata che ritrova al Litchfield e con la quale ricomincia una relazione fatta di continui tira e molla, sostegno e vendette. La "Betty Page" del Litchfield, per via del suo look da pin up, Alex, ha un passato da eroinomane che ha superato proprio grazie alla detenzione, unico punto saldo della sua vita. L'idea del futuro, infatti, la terrorizza, perchè l'unica cosa nella quale eccelle è il traffico internazionale di droga, dal quale sa di dover restare lontana. Riflessiva e apparentemente fredda, Alex, è uno dei personaggi più posati della serie, contraddistinta da un'ironia sottile e nera.

Black Power

Suzanne "Crazy Eyes" Warren (Uzo Aduba)

Orange is the New Black: Uzo Aduba in una scena della terza stagione

Uno dei personaggi più amati dello show; inizialmente invaghita di Piper, Suzanne è mentalmente instabile, passando da momenti di tenerezza a momenti di violenza verbale e fisica. Infatuata dalla potenza manipolatrice di Vee, nella seconda stagione, Crazy Eyes è un'amante della poesia, tanto di diventare un "caso letterario" tra le altre detenute, in questo ultimo capitolo, con la stesura di una romanzo erotico/fantascientifico che ha portato scompiglio tra le sbarre del Litchfield.

Tasha "Taystee" Jefferson (Danielle Brooks): Esuberante ed esibizionista, Taystee ha alle spalle un'infanzia difficile, fatta di continui trasferimenti in case di accoglienza e un rapporto madre/figlia con Vee, a capo di un traffico di droga per il quale verrano entrambe arrestate e che ritroverà nel carcere nel corso della seconda stagione, tanto da allontanarla dalla sua migliore amica Poussey, con la quale lavora nella biblioteca della prigione.

Poussey Washington (Samira Wiley)

Orange is the New Black: Samira Wiley è l'adorabile Poussey

Cresciuta in un'ambiente sano e rispettabile, Poussey è figlia di un militare dell'esercito americano il cui lavoro l'ha portata in giro per il mondo nelle varie basi presenti sul territorio europeo. Amata dalla madre, con la quale ha sempre avuto un legame speciale, non ha potuto dirle addio quando è venuta a mancare prematuramente durante la sua detenzione. Segretamente innamorata di Taystee, soffre il suo allontanamento causato dalla manipolazione psicologica di Vee, con la quale riesce a ristabilire un'amicizia solo nel corso della terza stagione, caratterizzata da un'insofferenza sempre più accentuata per la detenzione.

Yvonne "Vee" Parker (Lorraine Toussaint)

Il villan principale della seconda stagione e antagonista principale di Red, conosciuta nel corso di una precedente detenzione e con la quale si è sempre contesa il giro di contrabbando clandestino del Litchfield. Vera e propria manipolatrice, crea una gang all'interno del carcere, il cui braccio destro è Crazy Eyes, convinta di aver trovato una figura materna in lei che in realtà sfrutta la sua debolezza per tramare alle spalle delle altre detenute. Esce di scena alla fine della seconda stagione grazie all'intervento "provvidenziale" di Rose, una delle detenute più anziane, che mal digeriva la sua maleducazione gratuita.

Cindy "Black Cindy" Hayes (Adrienne C. Moore)

Madre di una bambina cresciuta dalla nonna come se fosse sua, Black Cindy è un maschiaccio dai modi bruschi. In carcere per truffa, cerca sempre di trarre vantaggio personale da ogni situazione. Molto legata a Taystee, vive una conversione religiosa nel corso della terza stagione solo per aver accesso ai pasti kosher della mensa per poi iniziare un percorso reale verso l'ebraismo.

Latinas

Gloria Mendoza (Selenis Leyva)

Orange is the New Black: l'attrice Kate Mulgrew in un momento della terza stagione

Cintura nera nell'arte della Santeria, Gloria è la rivale numero uno di Red tra i fornelli. A capo delle cucine del Litchfield dopo la cacciata della storica cuoca dalle origini russe, Gloria è un punto di riferimento per le altre detenute latine. Madre di quattro figli, nel corso della terza stagione vede perdere il controllo sul figlio maggiore, provando un senso d'impotenza dato dalla detenzione.

Dayanara "Daya" Diaz (Dascha Polanco)

La più giovane del gruppo delle detenute di origini latinoamericane, Daya si ritrova a condividere l'esperienza del carcere con la madre Aleida con la quale ha da sempre un rapporto conflittuale. Ama disegnare e nel corso della prima stagione s'innamora del secondino Bennett, del quale rimane incinta. Per non far perdere il lavoro all'uomo che ama, escogita con la madre un piano per far ricadere la colpa su Mendez, una guardia corrotta che abusa della sua autorità con tutte le detenute.

Aleida Diaz (Elizabeth Rodriguez)

Madre di Daya, sembra vivere in perenne competizione con la figlia con la quale si scontra frequentemente. Madre di figli avuti da uomini diversi, sembra più interessata al fidanzato del momento che hai suoi stessi figli, mostrando un comportamento infantile in più di un'occasione. Nel corso della terza stagione la vediamo assumere un atteggiamento più tenero con la figlia che sta per farla diventare nonna.

Marisol "Flaca" Gonzales (Jackie Cruz)

Detenuta amante del gothic, cita continuamente gruppi come The Smiths, Depeche Mode e My Chemical Romance. Molto amica di Maritza, nella terza stagione viene mostrato il suo passato e la sua voglia di riscattare la sua persona, cercando di mettere in mostra le sue qualità, tanto da entrare in contrasto con le altre detenute del suo gruppo che si sentono messe in secondo piano.

Maritza Ramos(Diane Guerrero)

Giovane detenuta madre di una bambina che vede saltuariamente. Migliore amica di Marisol, lavora nelle cucine insieme alle altre detenute latinoamericane. Sempre attenta al suo aspetto fisico, appare come superficiale e a tratti infantile.

Contenuto pubblicitario

Oldies .... but goldies

Galina "Red" Reznikov (Kate Mulgrew)

Orange Is the New Black: Kate Mulgrew in 40 Oz of Furlough

Personaggio tra i più amati della serie, Red nella prima stagione è a capo della cucina e detiene, con fare materno/dittatoriale, il monopolio sul contrabbando della prigione che gestisce direttamente da dietro i fornelli. Una volta scoperta è costretta ad appendere il grembiule al chiodo, sostituita da Gloria. Durante la seconda stagione è la principale antagonista di Vee, sulla quale ha la meglio dopo svariati scontri, riuscendo addirittura a ristabilire il contrabbando nella prigione grazie ad un tunnel che parte dalla serra del cortile del Litchfield. Questa terza stagione l'ha vista avvicinarsi ancora di più ad Healy e riprendere il controllo della cucina, sebbene privata delle materie prime dovute a tagli burocratici che la mettono in imbarazzo con le altre detenute.

Norma Romano (Annie Golden)

Tra le detenute più anziane del carcere femminile, Norma non proferisce parola e si limita a comunicare con i suoi sguardi dolci e affettuosi. Tra le migliori amiche di Red, dalla quale però è spesso schiacciata dal suo fare prepotente, lavora in cucina come aiutante. "Ispirata" dalle pratiche legate alla Santeria di Gloria, inizia anche lei a diffondere "incantesimi" e "magie" tra le altre detenute diventando, in questa terza stagione, oggetto delle venerazioni di un gruppo di ragazze che arrivano ad ipotizzare la creazione di un nuovo culto in suo onore.

Rosa Cisneros (Barbara Rosenblat)

Detenuta silenziosa e dai modi schietti, Rosa, oltre a vivere il dramma della detenzione, deve fare i conti con un male incurabile. Con un passato burrascoso, fatto di amori tragici e rapine in banca, Rosa rifiuta l'idea di dover morire dietro le sbarre del Litchfiel, regalandoci, alla conclusione della seconda stagione, un finale emozionante e liberatorio.

Sister Jane Ingalls (Beth Fowler)

Attivista con il velo, Sister Jane, è in prigione dopo essere stata arrestata per le sue proteste contro una base di armi nucleari, insieme ad un gruppo di altri pacifisti. Disorientata dalla fama raggiunta con le sue proteste è stata allontanata dalla Chiesa. Molto amica di Sophia, la detenuta transgender, è un punto di riferimento per le altre ragazze in difficoltà che sostiene nelle loro cause.

Last but not least

Nicky Nichols (Natasha Lyonne)

Orange Is the New Black: Natasha Lyonne nell'episodio The WAC Pack

Bizzarra e dalla chioma indomabile, Nicky è un'ex tossica con un pessimo rapporto con la madre, donna ricca e fredda che non ha mai dato alla figlia le attenzione che rivendicava con comportamenti eccessivi. "Figlia" putativa di Red, ha una passione per le ragazze molto femminili. Lavora nel reparto di elettronica con Piper e durante la terza stagione subisce una brusca ingiustizia proprio dal secondino della sezione che la fa finire nell'ala di massima sicurezza.

Tiffany "Pennsatucky" Dogget (Taryn Manning)

Un mix esplosivo e al tempo stesso irresistibile tra una tossica e una (finta) fervente religiosa contraria agli aborti, tanto da entrare in una clinica e sparare ad uno dei lavoratori. Peccato che si scoprirà che la nostra Pennsatucky di aborti ne ha subiti ben cinque ed il vero movente dietro quello sparo era stato un commento mal digerito sulle sue gravidanze interrotte. Acerrima nemica di Piper nella prima stagione, il suo personaggio subisce un netto cambiamento nel corso delle ultime due stagioni, grazie anche ad una serie di flashbacks che ne mostrano il passato travagliato.

Lorna Morello (Yael Stone)

Orange Is the New Black: Yael Stone nell'episodio A Whole Other Hole

Italoamericana dal rossetto rosso fuoco, ha una relazione con Nicky nel corso della prima stagione che decide di troncare in vista del matrimonio con il suo fantomatico fidanzato Christopher, ragazzo del quale si scoprirà essere ossessionata tanto da diventarne stalker ma che di lei non vuole saperne nulla. La terza stagione la vede coronare il suo sogno di indossare il velo, sebbene realizzato con i rotoli di carta igenica, sposando un fidanzato di penna conosciuto durante le ore di visita al Litchfield.

Carrie "Big Boo" Black (Lea DeLaria)

"Rivale in amore" di Nicky, Big Boo ha il fiuto per gli affari e le ragazze. Rinnegata da Red dopo aver scoperto il suo doppio gioco con Vee, nella terza stagione afferma la sua identità sessuale contro bigotti e omofobi, stringendo un'amicizia con Pennsatucky.

Brook Soso (Kimiko Glenn)

Di origini nipponico/scozzesi, Soso è un'attivista politica dalla parlantina fluente che tutte le altre detenute evitano per non restare ore ed ore ad ascoltare i suoi monologhi tanto da escluderla da ogni attività e portarla alla depressione nel corso di questa ultima stagione. Aiutata da Poussey viene adottata dal gruppo delle afroamericane.

Sofia Burset (Lawrence Cox)

Orange Is the New Black: Laverne Cox in Little Mustascioed Shit

Uno dei personaggi narrativamente più interessanti della serie, Sofia è la parrucchiera transgender del penitenziario. Padre di un bambino adolescente con il quale riesce a recuperare il rapporto grazie ai consigli di Sister Jane, Sophia rappresenta una minoranza all'interno del Litchfield che deve lottare per trovare un proprio spazio e una'identità.

Lo staff di Litchfield

Natalie "Fie" Figueroa (Alysia Reiner)

Arcigna direttrice del penitenziario per le prime due stagioni. Disinteressata alle sorti delle detenute, è accecata dal potere e con il marito punta ad una carica politica che gli permetta di accrescere la loro fama. Grazie a Piper e Caputo sarà costretta a lasciare la direzione per non finire sulle pagine di ogni quotidiano travolta da uno scandalo giornalistico. Quello con Caputo è un rapporto di odio e repulsione che nel corso della terza stagione finirà per tramutarsi in una storia di sesso clandestina.

Joe Caputo (Nick Sandow)

Nuovo direttore del Litchfield, Caputo, ha un approccio più umano nei confronti delle detenute, cercando di rendere la loro detenzione meno dura e avvilente di quanto non sia. Malinconico e solitario, suona in una rock band e ha una passione per le piante che cura nel suo ufficio.

Sam Healy (Michael Harney)

Il consulente più anziano del penitenziario. Vagamente depresso e con una moglie russa conosciuta su un sito internet che lo ignora completamente, Healy si trova più a suo agio dentro il penitenziario, in compagnia di Red, che tra le mura di casa che condivide con moglie e suocera che lo escludono parlando solamente in russo.

John Bennett (Matt McGorry)

Orange Is the New Black: Matt McGorry nell'episodio The Chickening

Il secondino, ex soldato dell'esercito americano, senza una gamba, persa a causa di un'infezione, che trova l'amore tra le sbarre del Litchfield. Già dalla prima stagione la sua storia con Daya è uno dei filoni narrativi alla base della serie che trova, in parte, il suo epilogo in questa terza serie.

George "Pornstache" Mendez (Pablo Schreiber)

Secondino corrotto ed instabile, solito abusare della sua autorità a discapito delle detenute, Mendez, s'innamora di Daya e crede di essere il padre del bambino che porta in grembo. Illuso dalla ragazza viene accusato dalla stessa di stupro per salvare dal licenziamento Bennet, ritrovandosi dietro le sbarre, questa volta come detenuto, per l'unico crimine non commesso nel corso delle prime due stagioni.

Orange is the new black: al via la terza stagione della serie tutta al femminile targata Netflix
Netflix rinnova Orange Is the New Black per una quarta stagione
Privacy Policy