La duchessa

2008, Drammatico

Recensione La duchessa (2008)

il film è girato con garbo, ben scritto e ottimamente interpretato da attori azzeccatissimi per i loro ruoli - Keira Knightley mette a frutto la sua bellezza da cigno e sostiene l'intero film con una crescente maturità, Ralph Fiennes è ideale nel ruolo del silenzioso e tormentato duca, e Hayley Atwell convince in un ruolo ambiguo e difficile.

Cuore di duchessa

Ancora adolescente, la bella Georgiana Spencer è già un punto di riferimento in società, è in grado di mettere in riga i giovanotti e mostra una precoce attitudine al gioco d'azzardo. Quando però le vengono prospettate le nozze con il potente e ricchissimo Duca del Devonshire, la ragazza non esita a fare il salto nel buio verso un futuro misterioso ma irresistibilmente attraente. Ma il duca è un uomo difficile, ombroso e laconico, che la seduce senza parlarle e che sembra incapace di codividere nessuno dei suoi interessi da socialite ante litteram. Si intrattiene con le cameriere e le piazza in casa anche una figlia illegittima. E a peggiorare la situazione c'è il fatto che l'erede maschio, il motivo principale per cui l'aristicratico ha preso in sposa la giovanissima lady, non sembra voler arrivare.

Keira Knightley in una scena del film La duchessa
L'amore delle sue bambine e la vita nell'alta società la consolano almeno in parte della desolazione del suo ménage matrimoniale: la duchessa del Devonshire diventa popolarissima, è la dama più influente in fatto di moda del regno ed è tenuta in grande considerazione dal leader degli whigs, il partito di cui il marito è il maggiore sostenitore economico. Ed è attraverso di lui che Georgiana ritrova una conoscenza della sua gioventù, il fascinoso e brillante Charles Grey, che ha avviato una promettente carriera in politica. Basta poco a ravvivare la fiamma della passione impossibile che aveva già iniziato a bruciare anni prima. Ad alleviare la sua solitudine arriva anche l'incontro con una giovane donna che ha trascorsi di sofferenza che la avvicinano immediatamente a Georgiana, che, sapendola in gravi difficoltà, la invita a stare con lei. Ma è proprio questa insperata amicizia a sferrarle il colpo più doloroso: nella speranza che possa aiutarla a ottenere la custodia dei figli, che un marito crudele e violento le ha strappato, la sensuale Bess riesce a trovare la strada per il cuore del duca.

Tratto da una biografia vincitrice del prestigioso premio Whitebread, La duchessa è uno dei film più attesi in cartellone al terzo Festival del Film di Roma ma non ha certo suscitato grandi entusiami tra gli addetti ai lavori. Probabilmente non per difetti veri e propri: anzi, il film, coprodotto da BBC Films e dall'italiana BIM, è girato con garbo, ben scritto e ottimamente interpretato da attori azzeccatissimi per i loro ruoli - Keira Knightley mette bene a frutto la sua bellezza da cigno e sostiene l'intero film con una crescente maturità, Ralph Fiennes è ideale nel ruolo del silenzioso e tormentato duca, e Hayley Atwell convince in un ruolo ambiguo e difficile. I reparti tecnici fanno il loro lavoro con l'eccellenza

Keira Knightley in una scena de La duchessa
che ci si deve aspettare nel caso di produzioni di questo tipo, e particolarmente incantevoli sono le scenografie, coadiuvate dallo splendore delle dimore storiche britanniche utilizzate per le riprese.

Il problema con La duchessa è che non aggiunge nulla di nuovo al genere in cui si inserisce, il period drama. Dai costumi ai sentimenti in gioco, dagli scenari alle nuance interpretative fino alle musiche, tutto è già visto, consumato e rielaborato; Saul Gibb non osa in nulla, e questo fa del suo film intrattenimento onesto e piacevole che non in una occasione riesce a scuotere o a sosprendere.

Recensione La duchessa (2008)
Alessia Starace
Redattore
3.0 3.0
Privacy Policy