Babylon Berlin: crimini e scandali del Dopoguerra nella nuova ruggente serie tv di Sky

A Berlino abbiamo visto in anteprima mondiale le prime immagini della nuova serie targata Sky Babylon Berlin, in onda in Italia a Ottobre 2017. Ecco cosa ci hanno raccontato registi, attori e produttori della serie.

Alla vigilia della 67° edizione del Festival di Berlino ha avuto luogo l'anteprima mondiale di Babylon Berlin, la nuova serie tv targata Sky che andrà in onda in Italia il prossimo Ottobre 2017. Appena arrivati nella capitale tedesca avvolta in una temperatura sotto lo 0, abbiamo fatto un viaggio nel tempo all'interno del suggestivo Clarchens Ballhaus, un locale che ha aperto le porte nel lontano 1913. Immersi in un ambiente dal sapore anni '20, tra le luci soffuse della sala degli specchi, abbiamo avuto l'occasione di vedere il trailer e alcuni minuti del footage di Babylon Berlin, nel corso della conferenza stampa con i registi Tom Tykwer, Henk Handloegten e Achim von Borries, gli attori Volker Bruch e Liv Lisa Fries, e i produttori Beta Film e Sky Germania.

Leggi anche: Le 25 nuove serie più attese della stagione 2016/2017

Una Berlino anni '20 estremamente attuale

"La città di Berlino è il centro della storia. Nel 1929 Berlino era la capitale cosmopolita, internazionale e magica del mondo. Tutti volevano andarci" ha detto Achim von Borries, citando poi Marine Le Pen per aggiungere: "Quando abbiamo iniziato a lavorarci, tre anni fa, la crisi finanziaria era al suo apice. Ma non avremmo mai immaginato che tre anni dopo sarebbe stato a rischio l'euro". Infatti, come ha sottolineato il regista Handloegeten: "Mentre stavamo lavorando a Babylon Berlin, era come se il mondo intorno a noi si stesse adattando all'atmosfera degli anni '20. E questo ha reso la serie attuale come non mai". Un'avventura divisa in 16 episodi per un totale di 16 ore, che ha potuto contare su un budget di circa 40 milioni di euro. "Babylon Berlin cambierà le serie tv tedesche per sempre, sia per il modo in cui è stata realizzata, sia per il modo in cui ha raccontato la storia" ha affermato Carsten Schmidt, CEO di Sky Germania.

Crimine, sesso e scandali del Dopoguerra

Ispirata al libro Der nasse Fisch di Volker Kutscher, Babylon Berlin segue Gereon Rath, un giovane ispettore di polizia interpretato da Volker Bruch, che deve risolvere un caso che collega il mondo del porno alla mafia berlinese. Egli viene trascinato in una giungla di droga, corruzione, traffico d'armi, ma anche di politica, emancipazione ed estremismi, esplorando il lato più trasgressivo della città tedesca. In un clima di anarchia e disordini, quello che ad una prima occhiata sembra un semplice caso di estorsione, si rivela uno scandalo che cambierà per sempre la vita del protagonista e dei suoi più stretti collaboratori. "Gli anni '20 erano una grande festa e l'assenza delle autorità consentiva di tutto, come a Berlino dopo la caduta del muro. Ma poi questo momento è finito e sempre più persone sono state sopraffatte da uno stile di vita esuberante, un mondo confuso, e, un richiamo all'ordine poteva arrivare soltanto piano piano" ha spiegato il regista Henk Handloegeten.

Infatti dalle prime immagini rese note al pubblico si nota la natura goliardica del periodo storico, con le strade, i locali notturni e le stanze private testimoni di crimini, sessualità esplicita e situazioni ambigue e violente. La povertà e la disoccupazione crescenti entravano in contrasto con gli eccessi e il lusso della vita notturna e dell'energia dirompente e creativa dei vari personaggi che vivevano la città. "È stato un momento di cambiamento politico, solo pochi anni prima dell'ascesa dei nazisti, e mentre nessuno aveva la più pallida idea di quello che doveva arrivare, in giro per la città era tutto in ebollizione" ha sottolineato il regista Tom Tykwer, che sul grande schermo ci ha regalato film come Cloud Atlas, The International, Lola corre e Profumo - Storia di un assassino.

Leggi anche: 30 serie TV perfette per il binge-watching

Una sfida ad alto budget

"Dopo aver lavorato tre anni sulla sceneggiatura, alla fine ritrovarsi sul set è stata davvero una gioia indescrivibile. Abbiamo girato per 180 giorni, lavorando a volte con due o persino tre unità allo stesso tempo" ha aggiunto Tykwer, sottolineando la collaborazione con Achim von Borries ed Hank Handloegten: "Abbiamo scritto e diretto l'intera serie insieme. Non c'è stato un singolo episodio sul quale uno dei tre non abbia lavorato". Babylon Berlin al momento è stato venduto in Italia (a Sky), Gran Bretagna, Spagna e nei paesi scandinavi, ma si prevede una distribuzione maggiore, poiché ci sono grandi aspettative secondo le quali questa serie tedesca potrebbe inseguire il successo di fenomeni come Il trono di spade, House of Cards e The Walking Dead.

Leggi anche: The Walking Dead, le ragioni del successo: una tragedia umana nell'era dell'apocalisse zombie

"Babylon Berlin è stato un viaggio abbagliante al fianco di 600 persone che hanno messo amore e passione nella visione del progetto. Sono ancora colpito dall'esperienza mozzafiato e dai ricordi che mi seguono ogni giorno da allora. Non ero mai stato coinvolto in una produzione simile, e mi sono sentito così motivato e fortunato di farne parte, come artista e come persona allo stesso tempo" ha detto l'attore Volker Bruch, che nei panni dell'agente Rath è affiancato dalla giovane Liv Lisa Fries come la stenografa Charlotte Ritter, che in conferenza stampa ha raccontato: "Girare questa serie è stata una sfida eccitante, stimolante e bellissima. Ho ballato molto, ho parlato molto, ma anche riso e pianto. Ero euforica. Ero Charlotte Ritter".

Il footage denuncia una fedele ricostruzione storica con azione e spettacolarità che si scontrano con la sfera emotiva dei vari personaggi coinvolti. La scenografia e l'ambientazione sembrano aver riunito Downton Abbey, Moulin Rouge e Il grande Gatsby, per il fascino ruggente e ricercato di un periodo segnato dal cambiamento radicale, dalla politica alla cultura. "È stata davvero una grande sfida ricreare la Berlino degli anni '20. La scenografia curata da Uli Hanisch per Studio Babelsberg ha ricostruito perfettamente diversi tipi di quartieri di Berlino" ha sottolineato Achim von Borries, e "unire la passione per le storie crime con la parte più thriller della storia della Germania, ha reso possibile qualcosa di particolarmente emozionante, che ha incoraggiato il coinvolgimento di grandi partner come Sky, Degeto and ARD e Jan Mojto della Beta" come ha dichiarato il produttore Stefan Arndt.

Non ci resta che aspettare qualche mese per gustare questo viaggio nel tempo all'interno di una storia in cui ogni personaggio ha una diversa visione della realtà e i propri segreti, per rendere confuso il confine tra buoni e cattivi.

Babylon Berlin: crimini e scandali del Dopoguerra...
Le 25 nuove serie più attese della stagione 2016/2017
Tom Tykwer dirige la serie tv Babylon Berlin
Privacy Policy