The Tourist

2010, Thriller

Recensione The Tourist (2010)

The tourist è purtroppo un tentativo poco riuscito di realizzare un mix tra un lungometraggio old style alla maniera del grande Alfred Hitchcock, con l'eleganza delle migliori avventure di James Bond e il fascino luccicante dei film moderni pieni di volti noti sulla falsariga di Ocean's Eleven.

Anonimato veneziano

Elise Ward è la bellissima e ricchissima amante di Alexander Pearce, uno dei miliardari più famosi e ricercati del mondo. Tra i tanti che danno la caccia a Pearce, colpevole di un'evasione fiscale di oltre 700 milioni di sterline, c'è anche un pericoloso gangster russo che pretende la restituzione di una ingente cifra che gli è stata beffardamente sottratta. A cercarlo per altri motivi è anche la stessa Elise, che non lo vede ormai da due anni nonostante le premurose attenzioni che l'uomo le riserva mandandole regali costosi e messaggi in codice per organizzare il loro fatidico incontro lontano da occhi indiscreti. Non avendo alcun riferimento su di lui, le polizie internazionali tengono sotto controllo lei, che vive ormai la sua vita come osservata speciale 24 ore su 24. Approfittando delle voci su un suo cambio di connotati, Pearce suggerisce ad Elise di salire ad un'ora specifica su un treno diretto a Venezia e di scegliere a suo piacimento un uomo qualsiasi della sua statura e far finta che sia lui. Detto e fatto. La donna sale sul treno indicato e sceglie Frank Tupelo, un uomo affascinante dall'aria interessante e sbarazzina che di professione insegna matematica in un liceo americano ed è in viaggio di piacere a Venezia per buttarsi alle spalle i suoi problemi sentimentali. Se in un primo momento l'uomo sembra farsi convincere a seguirla e a 'recitare' la parte del marito, col passare del tempo Elise si renderà conto che non tutto potrà andare come pianificato perché nonostante il grande amore che la lega a Pearce inizia a provare qualcosa anche per questo adorabile sconosciuto. Quell'uomo apparentemente comune si scoprirà essere un individuo dalle mille risorse e dal fascino davvero irresistibile, doti pericolose per una donna apparentemente imperturbabile come lei che ha come unico obiettivo quello di rincontrare il suo amato...

The Tourist - Videorecensione

Johnny Depp e Angelina Jolie, protagonisti del thriller The Tourist
Un'attrice strepitosamente bella, un attore strepitosamente bravo, un regista promettente e una città meravigliosamente magica: il risultato è un film del tutto anonimo. The Tourist, il nuovo film diretto da Florian Henkel-Donnersmarck, fa registrare purtroppo un passo indietro nella carriera del regista tedesco che aveva stupito le platee qualche anno fa dirigendo il sorprendente Le vite degli altri, splendido thriller drammatico ambientato nella Germania degli anni '80, lontano anni luce da questa operazione marcatamente e dichiaratamente commerciale. Le premesse per un intrattenimento divertente e sfizioso c'erano tutte ed è per questo che ci sorprende molto il fatto che i due attori protagonisti si siano fatti coinvolgere in un progetto che non riesce ad accontentare nessuno, se non forse i loro fan più accaniti.

Johnny Depp in una scena del thriller The Tourist
La narrazione è piuttosto blanda e poco fluida; i personaggi sono per la maggior parte macchiettistici, alcuni del tutto inutili ai fini dell'evolversi della storia, e cosa assai più importante non c'è magia tra i due 'attori' principali al centro dell'intrigo sentimental-poliziesco oltre al fatto che non è ben architettato neanche il meccanismo poliziesco. Che Angelina Jolie non sia nuova a passi falsi è un fatto, ma che a non brillare sia uno come Johnny Depp è davvero una notizia. Totalmente imbrigliato in un personaggio secondario rispetto alla sua partner femminile, l'attore appare decisamente sotto tono e offre forse la performance meno brillante della sua intera carriera. Il tutto senza considerare che l'alchimia con la Jolie è poco convincente e palesemente poco stimolante per entrambi. Non fosse per la sequenza iniziale dell'incontro girata sul treno, ci troveremmo di fronte ad una storia d'amore in cui i due protagonisti principali non si guardano quasi mai negli occhi con passione. La coppia, inedita sul grande schermo, non si cimenta in scambi di battute degne di nota né in scene particolarmente accattivanti, e a farne le spese è lo spettatore, non coinvolto in maniera soddisfacente.

Angelina Jolie in un'immagine del film The Tourist
Piuttosto ingessata e monocorde, la Jolie si aggira per le vie di Parigi e Venezia su tacchi vertiginosi, fasciata da abiti mozzafiato e agghindata da parure da sogno, intrappolata in un personaggio cupo e misterioso che sì riporta indietro nel tempo ai fasti e all'eleganza delle dive hitchcockiane ma è totalmente incapace di metterci del suo, a livello di ironia e soprattutto di originalità.
Mancano le novità, manca il mordente, il film stenta a decollare e le gag offerte dal gruppetto degli italiani non fanno che peggiorare il risultato finale, finendo per apparire a volte persino grottesche quando si spazia nei soliti luoghi comuni sull'Italia. Scritto dal regista insieme a due geni premi Oscar come Julian Fellowes (Gosford Park) e Christopher McQuarrie (I soliti sospetti), The Tourist è purtroppo caratterizzato da momenti di scarsa tensione emotiva, da rari momenti sentimentalmente empatici e da inseguimenti tanto rocamboleschi quanto surreali. Allo stesso modo la regia di Florian Henckel-Donnersmarck si limita a svolgere il compitino senza proporre assolutamente nulla di visivamente originale né una lettura particolarmente intrigante del contesto e dell'ambientazione. La città lagunare che ospita quest'avventura, a metà tra il sentimentale e la spy-story, è infatti restituita sullo schermo in maniera un scolastica e racchiusa in una cartolina glamour algida e patinata. Il film risulta così senz'anima, o meglio parte alla grande per poi sgonfiarsi pian piano verso una soluzione finale un po' forzata e prevedibile, senza colpi di scena a parte quello conclusivo che aleggia nell'aria già a metà film.

The Tourist è purtroppo un tentativo poco riuscito di realizzare un mix tra un lungometraggio old style alla maniera del grande Alfred Hitchcock, con l'eleganza delle migliori avventure di James Bond e il fascino luccicante dei film moderni pieni di volti noti sulla falsariga di Ocean's Eleven. Il risultato è un'opera anonima confezionata ad uso e consumo esclusivo dei fan sfegatati dei due attori e dei lustrini hollywoodiani, tutto apparenza e poca sostanza. Non basta, purtroppo, scritturare star di primo piano, un regista dalle potenzialità straordinarie che al suo esordio ha stupito le platee di tutto il mondo ed un'ambientazione fascinosa per realizzare un film di intrattenimento capace di entusiasmare.
Peccato, perchè l'occasione era ghiotta e i nomi coinvolti avevano fatto sperare in un prodotto natalizio coi controfiocchi, invece ci troviamo di fronte a un pacco ben confezionato ma piuttosto deludente per il suo contenuto.

Recensione The Tourist (2010)
Luciana Morelli
Redattore
2.0 2.0
Privacy Policy